venerdì 29 agosto 2014

Formentera Paradiso Decaduto

Nessun commento:
 



Tutti vogliamo qualcosa da ricordare: giorni memorabili da raccontare per convincere e per convincerci che c’è qualcosa per cui vale la pena vivere. Avete visto, per caso, Manhattan di Woody Allen? Quando verso la fine del film depresso e abbattuto butta giù un elenco di 10 cose per cui vale la pena vivere ? Ecco lui ci mette in mezzo sinfonie dell’800, altre cose che non ricordo e il viso di Tracy, giovane, ingenua e bella da far male. Ci sta. Ma se chiedessi ad una romano tra i 20 e i 35 anni di tirarmi fuori 10 cose che lo rendono felice e a cui torna quando niente va come dovrebbe andare 8/10 mi risponderebbero Formentera.

Non ho dubbi. Non ho dubbi perché altrimenti non saprei spiegarmi l’accanimento con cui i miei concittadini difendono “la isla” ma soprattutto la devozione e la venerazione che le riservano anno dopo anno quasi fosse un paradiso in terra dove tutto è possibile. Una volta forse aveva un senso rifugiarsi in quelle spiagge bianche, guardare un tramonto che ti toglie il fiato con un coronita gelata in mano e respirare un po’ di libertà, di sana evasione: questo quello che dicono i nostalgici, quelli che 10 o addirittura 20 anni fa vivevano una Formentera ormai scomparsa.



Formentera è ora l’isola dei miracoli sociali e il palco perfetto per l’esibizionismo romano in trasferta dove lo sfigato con il rosario al collo, ghettizzato nella capitale, può sperare di svoltare la sua serata all’Ugly con una spocchiosetta di Roma nord con la r moscia che mai lo avrebbe degnato di uno sguardo, se non per demolirlo a colpi di snobbismo.

Lo spettacolo è meno elitario, più a buon mercato e accessibile, la scala sociale vacanziera è più semplice da risalire: basta fingere, nessuno si accorgerà del trucco. Puoi sedere da Chezz Gerdi e ordinare un fritturina in cassetta da postare su fb senza bisogno di giustificare la ristrettezza di quella cena a una portata perché guardandoti attorno troverai tanti tuoi simili da cancellare l’imbarazzo di quella sceneggiata. Puoi racimolare un paio di quelle che una volta erano belle donne e restituire loro un po’ di gloria momentanea e virtuale grazie ai filtri e a tagli fotografici da professionista, potrai costruire cartoline manipolate di quelle conquiste fiacche e diffonderle nell’etere per dimostrare a tutti i tuoi amici che ce l’hai fatta. Puoi simulare amicizie, collezionare numeri di gente ribattezzata a caso sulla tua rubrica, salutare i locali stagionali: pr, baristi, e categorie varie come fossero fratelli, ti sentirai di casa senza esserlo veramente e continuerai a fingere e a perderti il meglio.

Perdi il meglio quando basterebbe andare oltre il programma da villaggio valtur che ti ostini a seguire e concedere a “la isla” una possibilità: quella di sorprenderti.


Be free.

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget
 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff